AVVIO BENVENUTI RICORDANDO TIGRINNA... CHI SONO? RIVEDIAMOCI... GLI AMICI SCRIVONO UNA PAGINA PER... CHI NON E' TORNATO LE "NOSTRE" FOTO I TESORI... VOTA IL SITO - LINKS
indietro      Vai a fine pagina      Vai a MAPPA DEL SITO      Torna alla pagina di Ada Claut       Vai a:   Un'altra pagina per Ada Claut     

 







Mi chiamo Ada Claut. Sono nata nel 1945 a Suk el Giuma, località della Libia situata a 5 km a est di Tripoli. La storia della mia famiglia, in Libia, inizia nel 1939 nel Villaggio Maddalena in Cirenaica e continua a Sidi Mesri, Miani, Suani Ben Adem e Ain-Zara. Nell’aprile del 1955 lasciamo definitivamente la Libia per fare ritorno in Italia, portandoci via ricordi d’immagini impregnate di “vissuti” che non ci abbandoneranno più.

 

 
 

Ada CLAUT




 



                        
   

Che silenzio… che  pace!!!

Vado vagando, in cerca di colori

quelli che stupiscono il cuore…

sempre pronto a ricordare…

Mi riparo all’ombra del limone,

il sibilo del ghibli mi raggiunge

e smuove un vortice di emozioni.

Sto in silenzio, ad occhi chiusi,

attenta al bisbiglio dei fiori,

agghindati a festa,

e al fruscio delle foglie

perché la gioia arrivi dritta al cuore!

Il sole, tra i rami,

con il suo luccichio

manifesta lo splendore

del tenero verde

e mentre occhieggia,

mi cerca per giocare

e per regalarmi il suo calore.

Sento nell’aria palpiti di vita

leggeri, leggeri

che ammiccano allegri.

Estasiata, mi lascio invadere

da quel soffio di vita,

mi sento leggera

e come foglia d’autunno,

impregnata di luce e di colori,

dondolo felice nell’aria

mentre la calda terra

mi accoglie

e io, libera e felice,

continuo a sognare

accarezzata dal ghibli

che cerca di lenire la nostalgia.

 

                                               Ada Claut

 

 

 
 
Ho intitolato “Folata di Ricordi” questo testo poetico perché mi succede spesso che improvvisamente si affacciano alla memoria, con la velocità di un soffio, delle immagini del passato, provocate dal “presente”: possono essere persone, cose, animali o situazioni; rimango colpita e incantata e immediatamente mi sento ”costretta” a fermarmi e a ritornare (con la memoria) nei luoghi della mia infanzia e a rivivere emozioni molto forti, piacevoli…. è un po’ come dare “corpo”, concretezza a ciò che sembra appartenere solo al mondo dei sogni.
Credo che questo succeda perché in quei luoghi non ci sono più tornata
e non c’è più speranza di ritorno... Sì, possiamo chiamarla nostalgia, la nostalgia “sana”, quella che mi ricorda il mio passato come pagine di un libro che vogliono la mia conferma per esistere, per dare il nome giusto ad ogni evento e ad ogni luogo che mi hanno vista protagonista.
Lì sono nata, ho pronunciato le prime parole, i primi giochi... ho imparato a leggere e a scrivere, le prime amicizie..., insomma le “fondamenta”  della mia vita sono state messe lì! 
Se pensando a quei luoghi e alla Libia, oso dire “MIA”, non è certo perché intendo “possederla”, ma è solo per confermare che lì, in quella terra è rimasto un po’ del mio cuore, perché l’ho “amata” e quando si ama veramente, è facile usare l’aggettivo possessivo... solo però per dire che di lei... mi prendo cura e non mi dimentico!    
 
                                                                                                                                 (Ada Claut)









                                                                                 Ada CLAUT
Oggi, voglio restare sola!
Sola con i miei pensieri
che volano liberi e leggeri
alla ricerca di luoghi assolati
dove si risvegliano le emozioni
e lì posare il cuore,
che libero e felice corre
verso colori, profumi e sapori
da tempo cercati,
sognati e risognati.
Risvegliare
lo stupore dell’età bambina,
quando la meraviglia
riempiva di gioia gli occhi,
che mai stanchi,
cercavano, cercavano
le immagini più belle
da donare alla memoria
e fissarle per sempre,
come in un album di famiglia
e dove ritrovarle sempre vive,
con profumi e odori,
quelli che, al calar del sole,
inebriano la mente e il cuore.
E risentire la calda sabbia,
soffice come cipria,
che rallegra il corpo
mentre si rotola felice
giù dalle dune,
sotto lo sguardo
delle palme curve
per il peso dei datteri
e del sole che dipinge
il bacio tra cielo e terra
in un tramonto mozzafiato.


Ada Claut                          


                                                                                                                                                        
 
14 aprile 2015












































       
       










...e la nostalgia...
    
 

 Ad occhi aperti
in compagnia
delle mie emozioni,

sorrido e piango
mentre accarezzo
il sogno che mi porto dentro
di tornare
a toccar le cose,

a riveder luoghi
e persone
e” a tu per tu” 
raccontare
l’intreccio di forza, di coraggio
e di paura…
e la malinconia
che hanno accompagnato
i passi della vita,
lontano

da quella che era ”casa mia”.
“A tu per tu”
mostrare gli eroi
che tra povertà,
isolamento
e abbandono
hanno vinto ogni battaglia
in quella terra
che doveva essere
madre e amica. 
Eroi grandi
più degli eroi illustri
…papà e mamma,

questi i loro nomi
e i loro volti…
segnati dall’amore.
Ora,
la vita mi sorride ancora
mentre… ad occhi aperti
sogno,
sorrido
e…piango!

 

Ada Claut         

               

8 novembre 2014








































































































Nota del Webmaster: la POESIA e la... PROSA. Un modo nuovo di presentare una nuova poesia... splendida e sofferta di Ada Claut.

                                                                         11 ottobre 2014

 
Vorrei portarti

là nell'agrumeto vicino casa,

dove il profumo della zagara

è insistente,

avvolgente,

abbraccia,

inebria,

rende leggeri.

Invita a danzare

a piedi scalzi

sulla calda sabbia

intrisa di energia vitale

e tra i suoi granelli,

come coriandoli impazziti,

volteggiare

accompagnati dal sibilo del ghibli.

In quel turbinio,

lasciar liberi i pensieri

e ad occhi chiusi

gustare mille immagini assolate,

ricordi di una vita!

...Il tempo si ferma,

...tutto tace!

Solo il battito del cuore...

rivive ciò che era perduto.

       











 


Mentre sono assorta nei miei pensieri, mi sento assalita improvvisamente dal profumo di zagara che, quasi per magia, mi porta ad Ain-Zara, nell’agrumeto vicino a casa mia. La sua fragranza mi accarezza l’anima: è insistente, mi avvolge, m’inebria, mi fa sentire leggera, mi abbraccia con tenerezza e m’invita a danzare a piedi scalzi sulla sabbia calda, intrisa di energia vitale. La danza mi rallegra, mentre volteggio tra i suoi granelli, che come coriandoli impazziti volano e il sibilo del ghibli ci accompagna. La danza incalza e l’animo si eleva fino a toccare direttamente il cielo. In quel vortice lascio liberi i pensieri; rimango ad occhi chiusi mentre si affacciano mille immagini assolate: frammenti di vita che il tempo ferma! Magia di un istante, tutto tace… il cuore batte forte mentre rivive ciò che sembrava perduto!








 
                             

Ada Claut                                                                   

  


 
 






Nota del Webmaster:

Nell’atmosfera ricca di ricordi della Libia, spicca anche questa splendida poesia di Ada Claut, soprattutto per lo stile Dannunziano, sintetico e decadentista, fatto di immagini disegnate con maestria e lucidità che vanno diritte al cuore e coinvolgono la mente... che portano lontano a evocare... e poi ti riportano dentro all'animo l'arricchimento del volo, saziandoti di qualcosa di sfuggente ma anche concreto!!!


 

Le parole color sabbia

non sono solo...

parole.

Le parole color sabbia

fanno vibrare il cuore,

sussurrano

il fascino di un tramonto

nel deserto infuocato

là dove cielo e terra,

in un abbraccio incantato,

bruciano!

In quel tripudio

di luci e di colori,

in quell'armonia luminosa

il cuore gode,

assapora il silenzio,

la sua pace

e, in quell'estasi,

riposa...

cullato dall'Amore

che nell'INFINITO

non tace!
                        

Ada Claut                                              

3 ottobre 2014





 



Questo sito non ha alcuno scopo di lucro, ma solo essere un luogo di incontro fra amici che sono nati o hanno vissuto in Libia, particolarmente tra Tigrinna, Garian e Tripoli.
L'acronimo del logo
ALSoft sta per Antonio Luciani Software.

Il sito non è in alcun modo collegato con nessuno dei siti partners, pertanto non ci assumiamo responsabilità sui loro contenuti.
 

 
 
Grazie per aver visitato il nostro sito. Contatore pagine visitate dal 29 settembre 2012 n.













AVVIO BENVENUTI RICORDANDO TIGRINNA... CHI SONO? RIVEDIAMOCI... GLI AMICI SCRIVONO UNA PAGINA PER... CHI NON E' TORNATO LE "NOSTRE" FOTO I TESORI... VOTA IL SITO - LINKS

"RICORDANDO TIGRINNA" - Realizzato da: Antonio LUCIANI - 63100 Ascoli Piceno (Italy) - Via V. Bellini 11 - Tel. 0736-251092 - e-mail: info@luciani.in - © Copyright ALSoft 2012-2017 Luciani.in - Tutti i diritti riservati