Ricordando Tigrinna...
e la nostalgia delle voci nel deserto lontano...
LE MAPPE DELLA "MIA" TIGRINNA
I RACCONTI DI TIGRINNA...
LE POESIE DI TIGRINNA...
A SCUOLA A TIGRINNA...
MISCELLANEA DAL PASSATO...
SPAZIO-NIPOTI
DOVE SIETE?
VIDEO, FOTO...
CONSEGUENZE...Una volta arrivati in Italia
RINGRAZIAMENTI...
In giro per Tigrinna... OGGI
I NOSTRI GIOCHI A TIGRINNA...
Segnala il Sito a un amico Vai a fine pagina vai a MAPPA DEL SITO aggiungi ai PREFERITI e-mail: info@luciani.in  & aluciani42bis@alice.it



Come, con chi e con che cosa
giocavamo a Tigrinna? Chi non lo ricorda?

 


Dedichiamo questa pagina a quella
bellissima e particolare attività che prendeva buona parte del nostro tempo, sospesi nel sogno della fanciullezza, incuranti di tutto e tutti...


...e questo me lo facevo da me!... un pezzo di legno, un coltellino, un chiodo, un pezzo di spago e... via!..
...però, sapete una cosa? non ricordo come lo chiamavamo. Mi sembra "zarrabutto" o "zarbuta" o qualcosa del genere.
C'è qualcuno che se lo ricorda?









dal sito  http://www.terenzioformenti.com/home/percorsi5e6/uomoaquiloni.htm    
un omaggio a  Terenzio Formenti  che ci ha lasciati    
 





           
 di carta di giornale, che sembrava di avere il più bel giocattolo del mondo, inseguendo con la mente gli spazi aperti dei nostri sogni.
antonio luciani
 





A CACCIA DI PASSERI... (a quei tempi...)
A quei tempi io, come tutti i ragazzi a Tigrinna ero anche amante della fionda, con la quale mi divertivo a dare la caccia ai passeri (lo so, non era una bella cosa, ma a quei tempi...).
Eppure anche per fare quel gioco c'erano tante difficoltà da superare, perchè le fionde non è che si potessero comprare bell'è fatte. Quindi bisognava farsele da soli. Ma anche questo era un problema.
Intanto era necessario trovare un rametto per fare il manico, che si biforcasse a "Y", quindi occorreva tagliarlo, togliergli la corteccia e ridurlo proprio come una "Y". Poi si doveva fare degli incavi all'inizio, in alto, delle 2 alette della forma "V", dove si applicavano, legandoli con lo spago, i 2 elastici, quindi si lasciava a essiccare per qualche giorno.
Nel frattempo ci si doveva procurare gli elastici, che a quei tempi era quasi un'avventura reperire, perchè si doveva trovare qualche vecchia camera d'aria di un automezzzo (e non è che ce ne fossero poi tanti), in modo che facendone tutte striscioline, si potessero ottenere gli elastici per la fionda. Quindi chi riusciva a "rimediare" una di queste camere d'aria, era corteggiatissimo per ottenere qualcuna di quelle preziose striscioline. Poi era necessario trovare un pezzetto di vecchia pelle che serviva per fare l'alloggiamento per il sasso quando veniva tirato. E anche questo non era facile da procurarsi.
Una volta procuratosi tutto il necessario, la fionda veniva assemblata e... si partiva per la caccia grossa!!!...
Però, a dire la verità, non è che sia riuscito mai a prendere un passero, tutt'al più riuscivo a colpire qualche ramo o qualche foglia...
Alla fine il vero divertimento si riduceva a mettere dei barattoli su un muretto  e "sparare" sassi contro questi. Però anche così il divertimento era assicurato!!!

(so di non essere stato chiaro, ma non è facile spiegare e far capire questo tipo di gioco ai giorni d'oggi)
 
 
Antonio Luciani

 

 
 

 ...e questi? non vi ricordano niente?
Ginocchia sbucciate, cadute continue, teste rotte, nasi, gomiti...


Il monopattino

Il carrettino


Tutto rigorosamente fatto in casa e a mano...
Però quelli miei erano più sgangherati, perchè realizzati con mezzi di fortuna. Io non avevo assi in legno così ben fatti. I miei erano pezzi di legno raccattati qua e là e quindi il risultato finale era, quantomeno, non invidiabile.
Ma per me non contava quanto fossero belli e ben fatti, ma quello che riuscivo a farci... e io riuscivo a giocarci!!! che era poi il mio solo scopo...












Questo sito non ha alcuno scopo di lucro, ma solo essere un luogo di incontro fra amici che sono nati o hanno vissuto in Libia, particolarmente tra Tigrinna, Garian e Tripoli.
L'acronimo del logo
ALSoft
sta per Antonio Luciani Software.
Il sito non è in alcun modo collegato con nessuno dei siti partners, pertanto non ci assumiamo responsabilità sui loro contenuti.

Vai a:

Ricordando Tigrinna...

Le mappe della "mia" Tigrinna...

I racconti di Tigrinna...

Le poesie di Tigrinna...

A scuola a Tigrinna...

Miscellanea dal passato...

Dove siete?

Video, foto...

Rivediamoci...

 
   
Torna all'inizio  
   

Grazie per aver visitato il nostro sito. Pagine visitate dal 29 settembre 2012 n.

Contatore pagine viste